Mauro e Giovanni

Non so, ma mi sembra una casualità significativa che oggi, anniversario della strage di Capaci, arriva una svolta (per certi versi annunciata) sul caso Rostagno. Vi segnalo quindi l’articolo apparso su Repubblica.it, e vi ri-segnalo il pezzo di qualche mese fa dove avevo in parte anticipato questa tesi, già fortemente presa in considerazione dagli inquirenti e da alcuni altri giornalisti.

La decisione presa dal boss Vincenzo Virga. A premere il grilletto Vito Mazzara
Le continue denunce contro la mafia all’orgine dell’assassinio
Svolta nel delitto Rostagno
ordini custodia per killer e mandante

PALERMO – Svolta nel delitto di Mauro Rostagno. La squadra mobile di Trapani ha eseguito due ordini di custodia cautelare per l’omicidio del giornalista e sociologo assassinato nel settembre del 1988. Mandante dell’omicidio, secondo i magistrati, il boss trapanese Vincenzo Virga, mentre l’esecutore materiale sarebbe Vito Mazzara, noto esponente mafioso di Trapani. Entrambi sono già detenuti per altri reati.

A dare impulso alle indagini è stata una perizia sui tre bossoli e tre cartucce inesplose provenienti dal delitto Rostagno. Reperti che sono stati messi a paragone con i dati di altri fatti di sangue avvenuti in provincia di Trapani. Identiche le modalità, in particolare l’impiego di un fucile semiautomatico calibro 12 e di un revolver calibro 38. Un filo rosso lega il delitto Rostagno con altri assassini: il duplice omicidio di Giuseppe Piazza e Rosario Sciacca, avvenuto l’11 giugno 1990 nel comune di Partanna; l’omicidio di Antonino Monteleone, commesso in contrada Marausa (Trapani) il 7 dicembre 1990; l’omicidio dell’agente di custodia Giuseppe Montalto, avvenuto il 23 dicembre 1995 a Palma, altra frazione del capoluogo di provincia. Tre omicidi con un solo colpevole: Vito Mazzara. Che adesso dovrà pagare anche per la morte di Rostagno.

A costare la vita al giornalista è stata la continua attività di denuncia che svolgeva attraverso la piccola televisione trapanese “Radio Tele Cine”. Accuse continue che hanno scatenato la reazione della mafia.
L’omicidio di Rostagno, infatti, sarebbe stato quindi deliberato in seno a Cosa Nostra: “L’ordine di ucciderlo – sottolineano gli inquirenti – è stato dato dall’allora rappresentante provinciale Francesco Messina Denaro (morto ormai da anni, ndr) e il mandato per l’organizzazione e la materiale esecuzione è stato conferito a Vicenzo Virga”.

Si arrivò così al 26 settembre 1988, quando Rostagno venne freddato in un agguato in contrada Lenzi, davanti l’ingresso della comunità terapeutica Saman in cui Mauro Rostagno operava e alloggiava. E verso la quale ci concentrarono i siospetti dopo l’omicidio. Una pista poi completamente abbandonata. Oggi autori e mandanti hanno un nome.

(23 maggio 2009)

Annunci

Un pensiero su “Mauro e Giovanni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...