Sciacalli a L’Aquila

Prendersela con Vauro è la dimostrazione che ai politici del nostro regime da operetta piace sparare sulla Croce rossa, cercando la strada facile. Invece che rispondere a chi chiede cosa sia andato storto e perché (a domande di questo tipo non si risponde, ormai c’è l’accusa standard di complottismo comunistofilo) viene azzoppata (per una puntata, forse di più) un’altra voce satirica nel servizio pubblico, grazie alla complicità di un nuovo direttore generale che dopo due settimane fa già perdere le speranze.
Io ho trovato personalmente più di cattivo gusto o quantomeno indelicata la battuta sui Camping da fine settimana, che non veniva da un comico (?) o le parole della biondina del Tg1 che piace tanto al Biscione. E ho trovato imbarazzante per l’Italia nel mondo l’inserimento di un comma sulle strutture antisismiche nella legge sul Piano Casa solo all’indomani della tragedia.
Forse sarebbe stato più sincero, da parte del MinCulPop di Palazzo Grazioli, far mettere alla porta direttamente Santoro con tutta la sua banda, ma questa azione (che durerà una puntata, o chissà) ha il sapore del contentino dato in pasto ai lupi per tenerli buoni, dell’azione “simbolica” su un capro espiatorio dopo che per tutta la puntata i servi del potere ospitati – secondo le regole del contraddittorio – non hanno avuto la capacità di controbattere alle osservazioni ovvie.

I veri sciacalli sono quelli che cercano di approfittare della triste, tragica, evitabile faccenda del terremoto in Abruzzo per criticare chiunque ne parli in maniera obiettiva, senza lasciarsi prendere dalla commozione e analizzando con ragionevolezza quali sono le cause. Non per amor di polemica, confido: ma semplicemente perché è improponibile che in un paese del G7 un ospedale nuovo di zecca e il palazzo che rappresenta il governo non crollino perché non a norma. E se si conoscessero le cause di queste malefatte, magari tra qualche anno non dovremmo trovarci a piangere i morti e osannare gli eroi, cose giuste e sacrosante, ma appunto evitabili.

Per inciso, ho trovato questi degli esempi di pessimo giornalismo…

…e non questo, che invece invito ad ascoltare per intero anche a chi trova antipatico Travaglio (magari senza averlo mai ascoltato o letto):

Domani quella di Annozero sarà una puntata interessante.

Advertisements

One thought on “Sciacalli a L’Aquila

  1. Quello che ho letto io è che Vauro in Rai non potrà più tornare.In Italia va forte il pietismo e le musiche strappalacrime di sottofondo. L’analisi lucida e le domande sanno di crudo e insensibile.E a qualcuno danno molto molto fastidio.Ciao Marco!P.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...