Caravaggio on screen

Vi ho già parlato della tanto discussa mostra sul mio amato Caravaggio che si svolge attualmente a Trapani. Dovevano essere 14 quadri, sono diventati 11. Un paio di settimane fa doveva arrivare un altro quadro, da Messina, ma nonostante l’annuncio non è mai arrivato. Le attività nei dintorni dovevano beneficiarne, e si lamentano tutti. I tour operator hanno saputo della mostra (che alle tasche della Provincia è costata 600 mila euro) troppo tardi, e non sono stati organizzati pacchetti ad hoc. Doveva offrire l’occasione al Museo Pepoli di rimodernarsi, ma il personale resta sempre quello che è, costretto a straordinari che forse non verranno manco pagati. Insomma, si ha la sensazione, tanto per cambiare, che a beneficiarne siano stati in pochi. Esclusa ovviamente la possibilità di poter godere delle opere del Maestro in una città solitamente povera in offerta culturale. Ho fatto una inchiesta (video, più che altro) sulla mostra che spero al più presto di concretizzare con un reportage vero e proprio. Nel frattempo, vista l’imminente fiction su RaiUno, ho provveduto a montare una specie di antipasto, un breve servizio per Ateneo che approfitta della notizia di qualche giorno fa sul numero definito record di visitatori, 27 mila. Lo trovate qui sotto… testi, video e montaggio miei, voce di Stefania Brusca.

Annunci

6 pensieri su “Caravaggio on screen

  1. Da 18 a 14, da 14 a 11…e poi davvero, scarsamente sponsorizzata. Per dire che ha avuto più eco quella bufala delle opere dell’Hermitage a Palazzo Sant’Elia (PA) che alla fine ha lasciato molto delusi. Ma vuoi mettere Notte bianca e museo aperto fino a mezzanotte: bingo! (Oh, scusa ma…che Alessio Boni fosse un bonazzo si sapeva, ma l’attore del documentario mancu babbìa..)

  2. ehh danielone, tu che caravaggio lo conosci bene, almeno avrai apprezzato le luci. l’interpretazione di boni è buona anche se a volte sopra le righe, e la sceneggiatore alterna momenti giustamente cruenti ad altri degni di un film disney. ma tutto sommato non è male.certo, il finale non è il finale…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...