Debbie Dillinger: il racconto

Come potete vedere dalla colonna a fianco, sul volume Debbie Dillinger: the Chihuahua Affair, uscirà un racconto inedito che ho scritto, che si situa tra le avventure narrate nel primo ciclo della strip e le prossime. Era una vita che non scrivevo un racconto in prosa, e questo è effettivamente il primo racconto pubblicato. Fortunatamente ho tenuto allenati gli occhi e la mente leggendo pagine e pagine di Ellroy, Poe e altri ancora. Il racconto vede Debbie riprendere le fila della sua vita, cercare di sfidare se stessa nel suo nuovo ruolo, e vedersi invischiata in una storia dove niente è quello che sembra. Ho usato uno stile asciutto, con molti dialoghi (retaggio fumettistico, inevitabile) e una punta di sensualità e retorica (che contraddistingue il personaggio e certi pulp magazine a cui si ispira). Qui sotto potete leggere un’anteprima, la prima parte del racconto, e ammirare uno dei disegni che fa da corredo al pezzo, realizzati con la consueta maestria da Daniele Tomasi.

Buchi nella pietra
Un’avventura di Debbie Dillinger
Philip Goofs aveva l’apparenza di un uomo buono. Un signore sulla sessantina, dai capelli bianchissimi e piccoli occhiali, aveva salutato Debbie con un grande sorriso e si era messo subito al lavoro. Debbie Dillinger cercava di non fare caso ai complimenti dell’anziano gentiluomo, e nonostante questi si sporgesse per guardare le curve di Debbie, continuava a mantenere la sua simpatia. Il signor Philip stava giusto terminando di ridipingere il nome sulla porta dell’ufficio del compianto Smitheson, quando venne urtato e il pennello cadde. Non era riuscito a scrivere l’ultima lettera, ma si capiva bene cosa si intendesse con quel ‘Debbie Dillinger – Private Inv…’.
Il vecchio Philip era stato urtato da un tizio elegante nel suo gessato grigio. Ma il suo aspetto poco gradevole e leggermente inquietante minava la sua eleganza.
“Signorina? Cerco Smitheson.”, esordì.
Debbie dava le spalle alla porta, stava riorganizzando la scrivania dietro la quale aveva passato gli ultimi anni. Adesso, le sue cose, si sarebbero spostate nella stanza affianco, in una scrivania più grande. Si voltò con la sua consueta grazia naturale, e il sorriso ampio e ammaliatore di chi spera di vedere il proprio primo cliente.
“Mi dispiace, ma il Sig. Smitheson non è più qui.”
“Che intende?”, interrogò stranito l’uomo.
Debbie si rese conto che quel sorriso non era adatto a quanto stava per dire, e improvvisamente, passando dall’imbarazzo, il suo viso arrivò ad una più consona serietà.
“Non ha saputo? Il Sig Smitheson è deceduto qualche giorno fa. Ho rilevato io la sua attività.”
“Ah. Mi dispiace. Ero fuori città per delle commissioni, appena tornato sono venuto a trovare il Sig. Smitheson. Doveva cercare una persona per me.”
“Lei è un cliente?”, chiese Debbie. Non riusciva infatti a ricordare di aver aperto la porta a quell’uomo. E facce come quelle si ricordano.
“Si. E non credo che mi affiderò a lei. Cercherò un altro investigatore”. L’uomo aveva calcato l’accento su quell’ultima parola, stimolando Debbie e la sua antipatia per i soliti pregiudizi.
“Sa…”, disse Debbie mettendosi ritta in piedi, con le braccia conserte, “ho rilevato anche l’archivio del mio predecessore. Potrei lavorare al suo caso alla metà della parcella, dato che metà del lavoro è stata già fatta.”

Debbie sa riconoscere un uomo avaro. Dai vestiti che indossa, dal tono che assume. Nella sua carriera ha visto tanta gente pregarla di uno sconto. Ma Debbie sa bene che la carriera dell’investigatore non prevede sconti, perché a nessun buon detective, quando si trova al lavoro, la vita riserva sconti.
Ma questo era un caso particolare, e aveva permesso all’audace ex-segretaria di ottenere il suo primo cliente, Jules Monfalcone.
Jules era alla ricerca del fratello, John, scomparso una settimana prima. Smitheson aveva iniziato le indagini, prima di scomparire per quella questione di droga. Jules non lo sapeva, e Debbie non aveva certo interesse a raccontargli cosa era successo nei giorni precedenti. Si limitò a scartabellare tra gli archivi di Smitheson.
Non fu facile trovare la cartella di John Monfalcone. Non era nello schedario, ma nel cassetto della scrivania a destra, sotto la pistola e la foto della moglie di Smitheson, morta di cirrosi epatica dieci anni prima. Insieme a quella scheda altre cartelle, che Debbie si ripromise di controllare prossimamente, quando l’entusiasmo per il suo primo caso si fosse dissolto… magari con la risoluzione del caso.
Diede una lettura veloce e congedò il cliente con quel sorriso ampio e un po’ ipocrita che aveva perso quasi subito.
Quando accompagnò il signor Monfalcone alla porta, Debbie si accorse che il buon Philip aveva appena finito il lavoro. Quel grande occhio femminile sulla porta, così diverso da quello anonimo dei suoi colleghi, un po’ la preoccupava: non sarebbe stato un ulteriore freno per chi diffidava da investigatrici donne?
Bastò Philip a rincuorarla: “Complimenti Signorina Dillinger, lei sa come trattare la gente… Quel tizio ha imparato subito con chi aveva a che fare!”
Debbie diede un bacio sulla fronte all’anziano operaio, lo pagò, lo salutò e si mise al lavoro sul suo primo caso.

Il resto potete leggerlo su Debbie Dillinger vol.1: the Chihuahua Affair, disponibile in tutte le fumetterie!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...